Gabriele, un giovane ragazzo tetraplegico conquista il mare!

Il suo sogno di andare sott’acqua è diventato realtà: Gabriele Tavolaro, un tredicenne tarantino tetraplegico, è riuscito a conseguire il brevetto da sub!

I sogni spesso si avverano e la storia del giovane ragazzo disabile Gabriele Tavolaro è una di quelle che devono essere per forza raccontate.

Gabriele Tavolaro è un ragazzino tarantino di 13 anni allegro e solare che, a causa di una mancanza respiratoria al momento della nascita, non può deambulare come i suoi coetanei perché è affetto dalla tetraplegia spastica.

Di certo la sua disabilità non gli ha mai impedito di vivere una vita come qualsiasi altro ragazzo della sua età: Gabriele, oltre ad avere tanti amici, ha una grande passione per il suo amato mare di Taranto, ed è proprio per questo che ha sempre espresso il desiderio di poter fare immersione per esplorare il fondale marino.

Purtroppo però la richiesta di Gabriele ha sempre ricevuto esito negativo, perché pare che qualche istruttore di sub disinformato sulle condizioni della sua patologia, gli abbia risposto che per via della sua disabilità non avrebbe mai potuto andare sott’acqua.

Gabriele, un giovane ragazzo tetraplegico conquista il mare!Lo scorso inverno ha partecipato al #nobarriertour, una giornata di prove subacquee in piscina organizzata dall’A.S.D. Blue Dive Taranto e da DDI ed ha continuato a sognare. 

Paolo Laganaro, l'istruttore di sub che ha preso a cuore la storia di Gabriele, ha commentato:

Dopo la sua prima esperienza in piscina mi espresse la voglia di diventare un vero sub per scoprire le bellezze del mondo sommerso. Ci siamo mantenuti in contatto e d’accordo con la famiglia, quest’anno, grazie al bellissimo progetto realizzato in collaborazione a Fondazione Decathlon, abbiamo deciso di iniziare il corso, totalmente gratuito.

Il grande sorriso di Gabriele fa capire la sua grande voglia di vivere e di sorridere. A questa sua nuova avventura si è unito Francesco, un coetaneo che ha trascorso l’estate a Taranto, un perfetto compagno durante le immersioni per alleviare ancor di più le possibili tensioni e timori.

Paolo Laganaro continua così:

Durante le prime lezioni con Gabriele ho avuto un’idea. Ricordavo di aver avuto come allievo, anni fa, Francesco, un quindicenne molto disponibile e sensibile, oltre che un bravissimo subacqueo. Ho immaginato che per Gabriele avere un coetaneo in acqua potesse alleviare ancora di più possibili tensioni e timori. Così ho parlato con i genitori di Francesco, che, entusiasti dell’iniziativa, si sono mostrati fin da subito favorevoli all’esperienza. Dopo pochi giorni Francesco era in acqua con noi.

È iniziata così l'avventura di Gabriele

Gabriele, un giovane ragazzo tetraplegico conquista il mare!Gabriele e Francesco sono perciò due ragazzini uniti dal grande amore per il mare, ma molto distanti per via di barriere mentali che ancora oggi portano le persone con disabilità lontane dallo sport e da alcuni ambienti socialmente costruttivi.

Sorrisi complici, risate e tanto divertimento: ecco ciò che ha caratterizzato il tempo passato insieme alla scoperta di questo nuovo sport. 

Paolo Laganaro prosegue infatti dicendo:

Gabriele e Francesco sono due ragazzini con eguali sogni, ma molto distanti per via di barriere mentali che ancora oggi portano le persone con disabilità lontane dallo sport e da alcuni ambienti socialmente costruttivi. Credo non dimenticherò mai l’emozione e le lacrime dei rispettivi genitori mentre i ragazzi terminavano una delle loro prime immersioni insieme.

Blue Dive ha messo in campo un team affiatato e competente composto da Paolo Laganaro, istruttore di sub; Margherita Panico terapista dell'Ospedale Niguarda a Milano; Gianni Botta ed Emanuele Ricciardi, altre due guide subacquee. Il terapista ha aiutato Paolo a trovare soluzioni per permettere a Gabriele di compiere i movimenti (dalla carrozzina da mare alla sedia a rotelle fino ad arrivare al mare) in completa autonomia e provvedere quasi da solo alla vestizione e svestizione (dai vestiti normali alla tuta da sub).

Il suo grande sogno si è avverato

Gabriele è un giovane ragazzo disabile con una grande forza di volontà, che lotta quotidianamente con i propri limiti per dare sempre il meglio, corretto ed educato al rispetto del prossimo, abile nel trovare strategie che gli permettano di superare ogni barriera e difficoltà.

Gabriele il 24 agosto 2018 ha conseguito il brevetto da sub: è iniziata così la sua nuova avventura, perché nello sport come nella vita non devono più esistere barriere!

La rivincita di Gabriele!

Gabriele, un giovane ragazzo tetraplegico conquista il mare!L'istruttore subaque Paolo Laganaro conclude così:

Qualche giorno fa uscendo dall’acqua Gabriele mi ha confessato che alle scuole elementari gli avevano detto che non sarebbe mai potuto andare sott’acqua perché disabile. A settembre, quando riaprirà la scuola, come tutti i bambini che racconteranno le proprie avventure estive, anche lui potrà raccontare la sua esperienza straordinaria, fuori dal comune: l’essere diventato un vero SUB!

Gabriele è l'esempio perfetto di come sia possibile abbattere le barriere mentali sulla propria disabilità, a patto che si incontrino le persone giuste che diano la possibilità anche a chi si trova in difficoltà, di sperimentare anche ciò che sembra apparentemente impossibile!